De Faccialibrum

In Italia Facebook va di gran moda. Ha avuto una crescita di contatti, negli ultimi mesi, del nonsoquantecentinaia-per-cento e probabilmente il trend non si è ancora concluso.

Chiaramente il tempo a disposizione nelle giornate degli italiani non è aumentato, e quindi il traffico su Facebook è andato a discapito delle altre forme di utilizzo del web, specialmente del cosiddetto "web 2.0". Per farla breve, da quando il Faccialibro ha iniziato a diffondersi in modo capillare molti blog e soprattutto molti newsgroup hanno visto diminuire giorno dopo giorno il numero di post pubblicati. In certi casi si è assistito addirittura alla proposta della chiusura di alcuni newsgroup proprio perché la stragrande maggioranza degli utenti dell’NG ormai è iscritta, su Facebook, ad un gruppo sullo stesso argomento e nel quale posta più spesso. O almeno pensa che posterà più spesso.

La notizia di per se’ non è né buona ne’ cattiva, ma da modo di riflettere su alcuni punti. Innanzitutto su cosa siano – e a cosa servano – Facebook, i newsgroup, i blog.

Un newsgroup in fondo è una bacheca pubblica, dove qualsiasi utente può scrivere la propria opinione in merito ad un argomento e beccarsi la conseguente mole di insulti perché è un incompetente. Su Facebook lo stesso fenomeno si presenta, con le stesse dinamiche, ma con una piccola differenza: Facebook è un sito privato, occorre iscriversi per postarvi ed, iscrivendosi, si sottoscrive un contratto che nessuno di noi iscritti a Facebook, o quasi, si è preso la briga di leggere e soprattutto di capire. I newsgroup invece sono pubblici. Non ho mai capito bene dove diavolo risiedano e come funzionino, fatto sta che è possibile accedervi da qualunque motore di ricerca che abbia una funzione apposita e, per postarvi, non è necessario autenticarsi presso un fornitore di servizi specifico.

I blog, invece, sono tutta un’altra cosa: un diario online che una persona tiene, e questo è il mio personalissimo parere, perché il proprio ego lo spinge a divulgare il suo pensiero a quante più persone possibili. Parte della goduria dell’avere un blog sta nello spulciare i propri vecchi post e riguardare quanto eravamo innocenti-fighi-stupidi-ignoranti-saggi-sfigati-profondi. Inolte il blog è roba "nostra". Non ho mai letto la licenza di Splinder, e non so quale diritti possa accampare sui miei post e sul loro contenuto, ma so che con un semplice plugin di wordpress posso copiare in pochi minuti l’intero contenuto di questo blog in un file XML e farne l’upload in un altro sistema, magari in un dominio comprato per l’occasione. Su Facebook tutti i contenuti postati sono sottoposti alla licenza sottoscritta dall’utente ma inoltre non c’è alcun modo pratico per accedere ad informazioni che un utente ha immesso in passato. Semplicemente perché Facebook non serve a questo: Il Faccialibro è l’equivalente della piazza, un posto dove conosci persone nuove e incontri i vecchi amici, ti metti d’accordo con loro e chiaccheri. Chi vorrebbe leggere gli stati o i link pubblicati dai propri amici anche solo un mese fa?

La domanda è: la comodità (supposta, perché chiunque utilizzi un newsreader sa quanto sia più comodo) di Facebook supplisce alla perdita di tutte queste caratteristiche?

La risposta è evidentemente sì, visto che sempre più persone passano dai newsgroup e dai blog al solo proprio account sul Faccialibro. Il motivo di tutto questo secondo me è principalmente uno: su Facebook ci sono i nostri amici.

Spesso mi capita di scrivere un post qui su SoleLuna e poi, se ritengo che parli di qualcosa di interessante per gli altri, condividerlo con gli amici su Facebook. In fondo i miei amici sono le prime persone alle quali vorrei far sapere una cosa che trovo interessante, o una mia riflessione su un argomento. E’ normale quindi che segnali a loro la notizia che ho trovato, o il pensiero geniale che ritengo di aver avuto.
A questo punto, dopo due-tre post segnalati su Facebook, uno si chiede: "ma perché anziché andare su Splinder e postare non inserisco una bella ‘nota’ in Facebook e così tutti i miei amici la vedranno automaticamente?"
La domanda è legittima, e sempre più persone non trovando alcuna risposta mollano il proprio blog e si spostano sul faccialibro.
Lo stesso fenomeno, con poche varianti, si applica ai newsgroup: perché dovrei chiedere su IAMRP qual è il miglior disco dei Van Der Graaf quando posso chiederlo direttamente a Napra, o a sua maestà Il Faraone, che sono miei amici su Facebook?

Dal punto di vista dell’utente che aveva un blog, o che postava sui newsgroup, il ragionamento non fa una grinza, ci sono molti vantaggi e pochi svantaggi. Dal punto di vista dell’ "ecosistema web" però le ripercussioni ci sono.
Un newsgroup è una bacheca dalla quale nessuno toglie mai i foglietti, così come un blog è un diario che tutti possono leggere. Quando cerco la recensione di un disco cerco prima su DeBaser, poi su Google Groups ed infine nei blog. Non me ne può importare di meno dell’opinione del critico prezzolato di Repubblica, io voglio il parere dei fan hardcore e ipercritici! Idem per i film, o addirittura se cerco dei pareri riguardo ad un’azienda alla quale ho inviato il mio curriculum. Se però comincio a chiedere le recensioni dei dischi soltanto a Napra o al Faraone, direttamente sul loro profilo su FB, e recensisco i dischi che mi piacciono su LivingSocial, chi cercherà un’opinione su quel disco troverà la mia? Di sicuro non il consiglio che mi ha dato un amico scrivendo sulla mia bacheca. Al massimo troverà la mia recensione su LivingSocial, ma solo se anche lui si è iscritto alla medesima applicazione. Ovviamente questo si può ampliare a qualsiasi altro ambito, dalla politica agli spettacoli.

Se non avessi mai cercato un newsgroup sul rock non avrei mai conosciuto gli amici che ora mi consigliano su FB, così come se nessuno avesse scritto di ciò che li irrita della politica italiana sul proprio blog, ma lo avesse inserito come nota su FaceBook, io non l’avrei mai letto e avrei continuato a formare la mia coscienza politica su Repubblica.it, Comedonchisciotte (per dire!) e Ansa.

Non vorrei che, a lungo andare, lo spopolare di Facebook provocasse un buco nella diffusione delle opinioni e della conoscenza nel web, un travaso di un’immane quantità di informazioni da un ambito libero, pubblico e utile per gli altri ad un altro non solo privato, ma ristretto di fatto ai propri amici.

Per quanto mi riguarda continuerò a postare qui le mie riflessioni e le notizie che il mio ego vorrebbe far sapere al mondo, riservando per Facebook tutto ciò che direi ai miei amici se li avessi nella stanza insieme a me.

Aggiornamento: questo post, pubblicato da me su IAMRP, ha sollevato un tot di interventi, alcuni dei quali molto interessanti. Lo trovate qui.

Annunci

0 Responses to “De Faccialibrum”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: