And then there were three… again

Avete presente quelle dichiarazioni da post-tour mondiale di certi gruppi rock, magari insieme da una decina d’anni, nei quali cominciano a crearsi le prime avvisaglie di un break-up alle porte?

Cose del tipo "sì, è stato bello passare questo tempo insieme, comunque ora credo che ci dedicheremo ognuno ai propri progetti solisti, magari produrremo qualche album di un amico, ci perderemo di vista per un po’, ecco… ma non è escluso che presto potremo tornare a lavorare insieme!" Poi come va dipende dalle persone, dai rapporti che si sono creati, da quanto si sono rovinati. A volte qualcuno lascia, a volte il gruppo si scioglie, a volte rimane unito nonostante tutto e basta un periodo di relax per ritornare a lavorare insieme entusiasti come prima.

Al momento in famiglia l’aria che tira è proprio questa. Ognuno si dedica ai suoi "progetti solisti", visto che ciò che si dice, o non si dice, quando si "va in tour" è troppo pesante da sopportare.

La parte più importante, e più difficile di tutto questo è far sì che ciò non capiti anche nella vita di coppia, come vedo troppo spesso accadere.

Ora come ora, se è vero che come mi hanno più volte detto molti amici tenere insieme un gruppo è come mantenere un rapporto di coppia… beh, io vorrei essere i Led Zeppelin!!! :)

Annunci

1 Response to “And then there were three… again”


  1. 1 kyrie 16/07/2008 alle 09:25

    Già, nulla, nulla di più vero.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: