go with the flow

Un tipo strano, Giovanni Allevi.
Arriva sul palco e sembra Quasimodo, il protagonista de "Il gobbo di Notre Dame". Un po’ sciancato, corre come se avesse assunto peyote per tutta la vita. Prende in mano il microfono, accarezza il piano e presenta il primo brano. Non dice neanche "buonasera", "ciao", semplicemente ripete a memoria il pezzettino che si è scritto.

Si siede al piano e inizia a suonare, chinato sulla tastiera come Schroeder.

A questo punto sembra di assistere ad una seduta spiritica: il timido ragazzo che poco prima parlava con voce fioca si riversa sui tasti bianchi e neri come una furia, e ne fa esplodere un marasma di note che invadono l’aria. Ipnotizza il pubblico materializzando nell’aria immagini accennate, più che dipinte. Perché è questo il potere della sua musica: evoca continue immagini, fa viaggiare con la mente e con il cuore. Trapassa ogni difesa e colpisce l’ascoltatore nelle emozioni, più ancora che nell’intelletto.

Sarà per questo che nei newsgroup di musica su di lui viene spalata regolarmente una discreta quantità di merda: "pianista commerciale", "prodotto delle major", "melodie banali da Sanremo senza parte cantata" ecc…

Sinceramente credo che tutti quelli che commentano così piscino un po’ fuori dal vaso. Io ammetto che fino a stasera non avevo mai ascoltato eccessivamente Allevi, perché… boh, mi sembrava di primo acchito più cerebrale di molti altri e l’avevo parzialmente tralasciato. Vedendolo dal vivo invece ho capito che quello che fa è semplicemente esprimere col piano le sue emozioni, il suo essere più intimo. E nel farlo suscita le stesse emozioni in chi lo ascolta, creando una relazione più vera di quella che potrebbe creare con le sue timide parole. Empatia.

Giovanni Allevi

«Joy è stato inciso senza averlo mai suonato prima, se non nella mia mente: il pianoforte deve restare un’isola incontaminata da esplorare, dove l’emozione ha il sopravvento sulla tecnica»

Annunci

0 Responses to “go with the flow”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: