Mandante

Negli stessi giorni in cui tutti i quotidiani del mondo sbattevano in prima pagina le accuse contro Vladimir Putin lanciate dall’ex agente segreto Aleksandr Litvinenko poco prima di essere ammazzato, l’infaticabile presidente russo era impegnato alla duma, il parlamento. Il suo partito è riuscito a far passare una serie di modifiche alla legge elettorale senza che quasi nessuno, all’estero, se ne accorgesse. Le modifiche, che tra l’altro consentono alle autorità di respingere le candidature di partiti o leader considerati "estremisti", cancellano l’opposizione e mettono nelle mani del governo le elezioni del parlamento. Il politologo Nikolaj Petrov si è spinto a dire che è stato reintrodotto il modello sovietico di elezioni "decorative". Mentre a Londra veniva ucciso un ex agente segreto, a Mosca si dava il colpo di grazia alla democrazia. E chissà se il mandante era lo stesso.

Giovanni De Mauro

Annunci

0 Responses to “Mandante”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: