…era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti.

Mi capita raramente che una canzone mi si insinui nella testa per un giorno intero. Penso sia perché di musica ne ascolto veramente tanta, e tendono ad alternarsi molte voci nella mia testa.

Invece, sarà che Sisila mi sta pian piano contagiando, sarà che adoro questa canzone, ma è da ormai 12 ore che non mi esce dalla testa …dai, la autorizzo a rimanerci altre 12,13 ma poi basta!

Si tratta di uno dei tanti gioielli che Paolo Conte ha donato alla cultura italiana. Si intitola Boogie e, nella fattispecie, a me ronza nella capa nella spettacolare versione di Fiorella Mannoia:

Due note e il ritornello era gia` nella pelle di quei due
il corpo di lei mandava vampate africane, lui sembrava un
coccodrillo…
i saxes spingevano a fondo come ciclisti gregari in fuga
e la canzone andava avanti sempre piu` affondata nell’aria…
quei due continuavano, da lei saliva afrore di coloniali
che giungevano a lui come da una di quelle drogherie di una volta
che tenevano la porta aperta davanti alla primavera…
Nightclub - by P.J. Crookqualcuno nei paraggi incominciava a starnutire,
il ventilatore ronzava immenso dal soffitto esausto,
i saxes, ipnotizzati… dai movimenti di lei si spandevano
rumori di gomma e di vernice, da lui di cuoio…
le luci saettavano sul volto pechinese della cassiera
che fumava al mentolo, altri starnutivano senza malizia
e la canzone andave elegante, l’orchestra era partita, decollava…
i musicisti, un tutt’uno col soffitto e il pavimento,
solo il batterista nell’ombra guardava con sguardi cattivi…
quei due danzavano bravi, una nuova cassiera sostituiva la prima,
questa qui aveva occhi da lupa e masticava caramelle alescane,
quella musica continuava, era una canzone che diceva e non diceva,
l’orchestra si dondolava come un palmizio davanti a un mare
venerato…
quei due sapevano a memoria dove volevano arrivare
un quinto personaggio esito`
prima di sternutire,
poi si rifugio` nel nulla…
era un mondo adulto,
si sbagliava da professionisti…

(nell’immagine "Nightclub", un dipinto di P.J. Crook)

Annunci

0 Responses to “…era un mondo adulto, si sbagliava da professionisti.”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: