guidare di notte

Adoro viaggiare di notte.
Mi piace molto di più che di giorno. Ieri poi era una nottata bellissima: il cielo era limpido e si potevano vedere tutte le stelle. Il quarto di luna era luminosissimo e rifletteva sull’asfalto il suo alone azzurrognolo; l’orizzonte era più chiaro, come se, da un momento all’altro, il sole dovesse sbucare fuori e violentare gli occhi con la sua luce intensa.

La notte poi rende tutti i viaggiatori dei compagni solitari. La strada si srotola uguale davanti e dietro la macchina che passa attraverso un paesaggio, apparentemente senza svegliarlo, senza cambiare niente. C’è la tua macchina e c’è il resto del mondo. E se incroci altre macchine ti sembrano amici, qualcuno che condivide con te l’esperienza di percorrere, in punta dei piedi, nel silenzio buio della notte, quell’asfalto scuro.
E così, come due signori distinti dell’ottocento, che camminano con passo rapido lungo un marciapiede ed, incrociandosi, alzano un po’ la tuba in segno di saluto, così le macchine che si incontrano di notte, abbassano lo sguardo, in un rispettoso saluto, per un attimo si fissano, prima di tuffarsi nel mare di pece.

Annunci

0 Responses to “guidare di notte”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...





%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: